Annuarium Historiae Conciliorum

  II Concilio di Costantinopoli (553) – Salone Sistino della Biblioteca Apsotolica Vaticana, Cesare Nebbia e bottega (1589-1590)

La rivista Annuarium Historiae Conciliorum venne fondata nel 1969 da un gruppo di ricercatori sotto la direzione di Walter Brandmüller.

Il primo volume della rivista, che ha visto Remigius Bäumer (1918-1998) come co-curatore accanto a Brandmüller, è stato pubblicato nel 1969. La rivista, ben accolta nel mondo scientifico, viene stampata annualmente in 2 volumi con un totale di circa 500 pagine. Dal 2008 il curatore è Johannes Grohe. Oltre agli articoli e ai contributi, pubblicati in "peer reviewed", l'AHC pubblica recensioni e una bibliografia compilata da Ansgar Frenken dell’Università di Ulm. L'Annuarium Historiae Conciliorum è edito da Ferdinand Schöningh Verlag (Paderborn). (La Casa editrice Ferdinand Schöningh appartiene al gruppo Brill - Koninklijke Brill NV, Leiden, Niederlande; Brill USA Inc., Boston MA, USA; Brill Asia Pte Ltd, Singapore; Brill Deutschland GmbH, Paderborn, Deutschland

 

Istruzioni per gli autori: pdf

Per ordinare un singolo fascicolo a stampa: Brill Customer Services, Turpin Distribution Services Ltd

 

Fin dall’inizio si è voluto utilizzare il sottotitolo Rivista Internazionale per la Ricerca sulla Storia dei Concili per rimandare alla volontà di creare un forum aperto a contributi di ricercatori provenienti da tutto il mondo. Tale idea si è realizzata, come mostra il bilancio di oltre 45 anni di lavoro. Durante questo periodo sono stati pubblicati in AHC oltre 600 articoli, di cui - oltre ai contributi in tedesco, che rappresentano il numero più elevato - 108 in inglese, 61 in italiano, 34 in francese e 44 in spagnolo. Inoltre sono giunti anche articoli che sono stati tradotti dal greco o dallo slavo.

L’universalità del gruppo di ricerca rispecchia l’universalità dell’oggetto della ricerca, soprattutto se si considera che i Concili Provinciali si sono svolti lungo la storia in tutti e cinque i continenti.  Il gruppo di ricerca ha avuto fin dall’inizio un orientamento ecumenico, come risulta evidente dai contributi alla rivista forniti da autori provenienti dal mondo dell’ortodossia e del protestantesimo.

La rivista godette fin dall’inizio del sostegno ideale e della personale collaborazione di Hubert Jedin, ai tempi Nestore della ricerca sulla Storia dei Concili, professore in pensione di Storia della Chiesa a Bonn, ma ancora al lavoro per completare la sua opera principale, la Storia del Concilio di Trento e curare l’edizione dei manuali sulla Storia della Chiesa.

Jedin appartenne al consiglio scientifico della rivista fino alla sua morte nel 1980. Successivamente venne nominato Stephan Kuttner come membro del Comitato Direttivo fino 1997, anno della sua morte, sottolineando così l'eccezionale importanza della ricerca sulla Storia dei Concili per la storia del Diritto Canonico, riflessa anche dai numerosi contributi su questo argomento pubblicati nella rivista.

Gli altri membri del Comitato Direttivo di AHC sono al momento: Peter Bruns (Università di Bamberg), Evangelos Chrysos (Università di Atene), Thomas Prügl (Università di Vienna), Brian Tierney (Università di Ithaca - N.Y.), Boris Ulianich (Università di Napoli) e Peter Wirth (Università di Monaco). L'AHC è certo una rivista di Storia della Chiesa, ma i contributi ricoprono sempre un interesse storico ad ampio spettro. Dal 2008, dopo che per limiti d’età Walter Brandmüller, pensionatosi come professore di Storia della Chiesa ad Augsburg e come Presidente del Pontificio Comitato di Scienze Storiche, si è ritirato dal ruolo di Direttore del progetto di ricerca sulla Storia dei Concili, la rivista è passata sotto la direzione di Johannes Grohe, professore di Storia della Chiesa Medievale presso la Pontificia Università della Santa Croce a Roma. Nel 2010 Papa Benedetto XVI ha creato cardinale il prof. Walter Brandmüller.

Oltre ad un interesse personale diretto, i contributi alla rivista hanno inoltre lo scopo di continuare il grande progetto di ricerca sulla Storia dei Concili iniziato da Walter Brandmüller, compresa una serie di 45 volumi di cui 27 sono stati già pubblicati. Dal 2008 i curatori della Storia dei Concili sono Peter Bruns, professore di Storia della Chiesa e Patrologia presso l’Università di Bamberga e Thomas Prügl, direttore dell’Istituto di Storia della Chiesa presso l’Università di Vienna.